RICORDANDO

di David A. Fletzer

Il recente Decreto del Ministero della Salute del 2 agosto 2017 inizia così:

Vista la legge 8  marzo  2017,  n.  24,  recante  «Disposizioni  in

materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in

materia  di  responsabilità   professionale   degli   esercenti   le

professioni sanitarie» e, in particolare, l’art. 5;

Considerato che il suddetto art. 5, al comma 1,  prevede  che  «Gli

esercenti le professioni sanitarie, nell’esecuzione delle prestazioni

sanitarie  con  finalità  preventive,  diagnostiche,   terapeutiche,

palliative, riabilitative e di medicina legale, si  attengono,  salve

le specificità del  caso  concreto,  alle  raccomandazioni  previste

dalle linee guida pubblicate ai sensi del comma  3  ed  elaborate  da

enti  e  istituzioni  pubblici  e  privati  nonché  dalle   società

scientifiche  e   dalle   associazioni   tecnico-scientifiche   delle

professioni  sanitarie  iscritte  in  apposito  elenco  istituito   e

regolamentato con decreto del Ministro della salute, da emanare entro

novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente  legge,

e da aggiornare con cadenza biennale.»;

ed allora la mia memoria mi riporta al lavoro effettuato dalla Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa nel triennio 2008-2011 e specificatamente alle modifiche (in rosso i cambiamenti effettuati) del regolamento delle Sezioni e specificatamente all’art. 5 (nuovamente questo numero!!!!!!!)

5. Ogni sezione, nel corso del triennio, produce almeno un documento scientifico (linee guida, protocolli, buone pratiche ect) ed  organizza eventualmente un incontro scientifico annuale al di fuori del Congresso Nazionale, previa approvazione dell’UdP. Partecipa attivamente al Congresso Nazionale secondo le indicazioni dell’UdP della SIMFER

Ma in quel triennio si cercò di mettere in pratica le modifiche apportate e difatti nella relazione finale (confrontando il resoconto, in rosso, di ciò che fu fatto con il programma presentato nel 2008) al primo punto fu riportato in sede di assemblea a Reggio Calabria

PROGRAMMA SIMFER 2008-2011

1.   Incentivazione del lavoro delle Sezioni della Società FATTO, stimolando e favorendo la produzione di Linee Guida, Consensus Conferences ecc., in accordo con il lavoro dell’UdP e con l’aiuto di organismi idonei, pubblici e privati, tipo: la 3° CC sui traumi cranici FATTA, la LG sulle terapie fisiche FATTA con QS 8 per chiudere annose questioni, la LG sul Dipartimento e sul Setting in generale FATTO PIANO E QP, uno studio sulla riabilitazione territoriale (che è sicuramente in espansione) FATTO PIANO E CORSO FERARA SUI PERCORSI, un documento sulla riabilitazione oncologica FATTO, che presto sarà inserita nei LEA, un protocollo di requisiti per i Centri di Riabilitazione spinale ecc.(punto f dello statuto) FATTO PIANO;

Ma sempre in quel periodo si portarono a termine:

A.   le Raccomandazioni sulla Cervicalgia curate dal prof. Monticone

B.    la 3° Consensus Conference sulla parte specificatamente riabilitativa del percorso delle persone con gravi cerebrolesioni “BUONA PRATICA CLINICA NELLA RIABILITAZIONE INTRAOSPEDALIERA DELLE PERSONE CON GRAVI CEREBROLESIONI ACQUISITE” curata dalla corrispondente Sezione e specificatamente dai dottori Avesani, Boldrini, De Tanti e Giustini

C.    il documento preparatorio su Obesità e disturbi comportamentali a cura del prof. Saraceni e del dr. Giustini

D.   il codice deontologico del Fisiatra curato dal prof. Cerri

E.    l’assegnazione alla Sezione sulla riabilitazione della persona con lesione midollare, coordinata dal dr. Massone, di un contributo economico per compilare delle linee guida sulla spasticità

Ma tutto questo lavoro ha coinvolto non solo chi ho ricordato ma tanti Soci, come tutti i membri dell’Ufficio di Presidenza, che vorrei ancora ringraziare dopo tutti questi anni e questo mio ricordo mi conferma che la strada intrapresa era giusta e che solo con il COINVOLGIMENTO di più SOCI possibili unito a IMPEGNO, COERENZA, SERIETÀ, EQUILIBRIO e TRASPARENZA  i Fisiatri sono vincenti

Grazie a tutti (fortunatamente troppi per ricordarli tutti) coloro che lavorarono in quel periodo il cui vero Presidente è stato PASQUALE PACE.

David A. Fletzer

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.