Università, i concorsi truccati trionfano e la politica continua a far finta di niente

il link a LINKIESTA

Riportiamo il link al periodico web LINKIESTA , con un interessante Dossier sul mondo universitario ed il commento. molto gradito, di Calogero Foti.

Sono il primo a riconoscere che i sistemi di selezione della docenza universitaria rare volte non rispettino criteri di decenza che dovrebbero viceversa determinarli. In realtà a mio avviso ciò è dipeso dalla pesante infiltrazione politica nei criteri di scelta universitaria delle ultime decadi. Vivendo professionalmente la realtà accademica, sono in grado di poter testimoniare che la maggior parte dei docenti universitari svolge la propria attività nell’interesse della propria disciplina, e non dei propri interessi (e ciò determina il fatto che i nostri laureati non risultino meno competenti  di quelli di altre nazioni). È vero che si verificano situazioni che meriterebbero un’analisi specifica, come si legge sulla stampa nazionale, con inchieste degli organi competenti a garanzia del presunto corrotto, e in difesa del presunto danneggiato. D’altronde pare accertato che le abitudini del nonno e del padre possano condizionare la crescita delle generazioni successive, non solo nel male, ma anche nel bene. Basti pensare quanto rispetto si nutra verso attività artigianali centenarie o verso stirpi familiari che in alcune discipline hanno portato a progressi di conoscenza e di cura non indifferenti. 

Credo in sintesi che non si possa fare di tutta l’erba un fascio, alimentando così facendo lo sfascio; e invitando altresì la rivista “Fisiatria Italiana”a entrare nel vivo di quei fatti incresciosi, specifici e documentati, dei quali viene a conoscenza. 

Cordialmente,

Calogero Foti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.