RESILIENZA: IL FUTURO DELLA DIDATTICA INCLUSIVA, A SOSTEGNO DEL MONDO DELLA DISABILITÁ

di Angela Mirella Capobianco

Il coronavirus ha certamente modificato la routine di tutti ma sicuramente non ha annullato la dedizione di noi docenti di FARE SCUOLA MA NON A SCUOLA.

Come scrive Galiano: “Insegnare non è accendere desktop o schermi di cellulari, ma accendere idee, fare domande, svegliare dubbi, far passare la luce”.

La bellezza dello stare in classe indubbiamente manca ma per ora la nostra quotidianità è stare a casa per questo voglio estendere il mio contributo “RESILIENZA” anche ad altri bambini, sia con Bisogni Educativi Speciali che non, della Scuola Primaria.

È proprio in questa situazione inusuale che la resilienza deve essere nostra alleata.

e questo é il link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.