La Rivista

FISIATRIAITALIANA è cresciuta, da quando, quattro anni addietro nel 2016, un po’ visionari, abbiamo immaginato un percorso che non è ancora concluso. É ormai diventata uno strumento efficace di informazione per i fisiatri, utile per un confronto sulle questioni che  si pongono  nelle attività lavorative/sociali e per raccontare  le semplici “eccellenze” del  quotidiano (si raccontano le virtù di grosse strutture o si pubblicizzano finanziamenti importanti, ma poco si dice e si sa delle occasioni promosse e portate avanti dai singoli). Insomma una PAGINA per I FISIATRI, dove ci sia inclusione e divulgazione.

Non siamo una lobby professionale, ma una categoria lavorativa, riconosciuta nel mondo intero, che crede nelle potenzialità del recupero di funzioni una volta instauratasi una disabilità causata da una patologia. Dopo la crescita dei posti letto di riabilitazione negli ospedali, assistiamo ora alla loro contrazione specialmente negli ospedali a gestione pubblica, accompagnata da un impulso, non sempre omogeneo e coerente, delle offerte sul territorio e quindi ci rivolgiamo, con molta attenzione, anche a quei fisiatri che lavorano negli ambulatori, che certamente sono stati per anni dimenticati. Allo stesso tempo ci rivolgiamo a quanti esercitano nel privato e che spesso devono rispondere alle richieste che le lunghe lista di attesa nel pubblico non soddisfano. Due mondi che meritano grande attenzione e che sono possibile fonte di crescita, sia professionale che aziendale, anche per molte industrie del settore, sia degli elettromedicali sia farmaceutiche. 

Ci rivolgiamo soprattutto ai giovani neo specialisti e specializzandi  che rappresentano il nostro futuro e che stanno trovando su Fisiatriaitaliana.it uno spazio accogliente dove pubblicare i propri lavori scientifici.

Ci siamo così sottoposti alla revisione da parte del CNR ed abbiamo conquistato un altro traguardo: l’attribuzione del ISSN, che rappresenta per noi, una prima ed importante tappa nel percorso di crescita scientifica della Rivista che non si é ancora concluso. 

La Rivista si è rifatta il look ed é dotata di nuove potenti funzioni, con una nuova veste grafica. Ci siamo dotati di una Redazione e di un Comitato scientifico, che vede la partecipazione di diversi colleghi, che rivestono o hanno rivestito ruoli di lustro in Università ed Aziende ospedaliere nazionali. E tutto è sempre in divenire.

Crediamo nella voglia dei giovani di afferrare con forza il proprio futuro professionale, evitando a loro, ma anche ai nostri occhi, le tristi scene che li hanno visti solo come massa da manovrare, in fila per due, nelle occasioni elettorali. A loro sarà sempre riservato un posto in primo piano tra di noi.

E se tutto questo servirà anche a dare nuove gambe e menti alla FISIATRIA in Italia, sarà un bel regalo per tutti.

 

CALLS FOR PAPERS

  • La rivista Fisiatria Italiana   invita i  lettori ad inviare contributi riguardanti esperienze quotidiane e  sul campo, buone prassi, progetti innovativi, riflessioni sul mondo della FISIATRIA. L’invito è rivolto Ai COLLEGHI FISIATRI  ED AGLI OPERATORI del settore riabilitativo dei servizi pubblici e privati , ma anche allr Associazioni delle Persone con disabilitá, agli utenti ed ai loro familiari. I contributi, previa valutazione del Comitato di Redazione, saranno pubblicati, nella relativa categoria di attribuzione.
  • Altresí Fisiatria Italiana è aperta al contributo di articoli scientifici , provenienti dal mondo dei ricercatori e degli studiosi. Le proposte di articoli saranno valutate con una procedura anonima dal Comitato scientifico. Successivamente alla valutazione, gli articoli verranno redazionati e impaginati nel formato tradizionale della rivista. Il pdf sarà reso disponibile per il download.

Alla pagina “invia il tuo articolo“ gli Autori possono trovare tutte le informazioni inerenti la procedura ed i relativi templates. 

Iscriviti alla Newsletter!